Seleziona la tua lingua: 

Noi amiamo la silenziosa vita creatrice della natura,il sussistere delle cose per se stesse,l'esistenza secondo leggi proprie e immutabili. Quando la consapevolezza dell'uomo segue la libera volontà di attuare la propria responsabilità,si entra a far parte di un unico progetto,universale e infinito.                                    

Antonio Mautone incarna tale dimensione di sintesi decodificando il significato del tema lavoro,per elevarlo al ruolo di narrazione singola e collettiva,imprenditoriale e culturale,ove la specifica attività' commerciale non costituisce una mera occasione di negoziazione tra cliente e azienda,ma diviene costante relazione umana ed emozionale.                                                        

L'amore,la genialità,l'esperienza,il sacrificio e la tenacia,sono ben radicati in Antonio.Egli,nell'orizzonte molisano e interregionale,mette in campo,grazie a un'innata e inarrestabile capacità di crescita,un inedito linguaggio interiore ed esteriore che concepisce la nascita di un nuovo desiderio,fondato su regole diverse e cioè sulla necessità della calzatura come alveo di qualità,estetica e naturale conforto,ove la proiezione di parti estreme e fondamentali del nostro corpo costituisce interazione e comunicazione verso l'altro;il fattore competizione dunque, e' superato in relazione alle dinamiche dell' individuo,vero produttore di soggettività,collettività e opportunità.In quest'ottica vi è la rivoluzione metodologica e radicale con il cosiddetto mercato inteso come corpo sociale e d'insieme,baipassando lo stereotipo di imperativo del profitto,costruttore di un bisogno corrotto e artificiale.